Quando far visita al nuovo nato (e mamma e papà)

è nato un bimbo
la nascita di un figlio ci cambia la vita, la famiglia dev'essere rispettata e parenti e amici dovrebbero far visita tenendo conto dei tempi di ripresa necessari

Mamma e figlio escono dall’ospedale, ed amici e parenti sembrano fare a gara per chi arriva primo a far visita: niente di più sbagliato e inopportuno! Quando far visita al nuovo nato tenendo conto anche dello stato della mamma?

Diventare mamma è bellissimo, è fantastico, ed è davvero tanto, tanto stancante: non preoccupatevi se prima avevate il sonno! Perché, quasi come se fosse un fatto fisiologico, dopo il vostro sonno non sarà più quello di un tempo (sigh!). I primi giorni poi, sia il papà che la mamma devono abituarsi ai risvegli notturni e quindi entrambi hanno bisogno di riposare.

Trascorsi i giorni di degenza in ospedale, mamma e figlio possono finalmente tornare a casa e cominciare la tanto attesa e desiderata vita familiare.

Un bel discorso andrebbe fatto ad amici e parenti che non vedono l’ora di conoscere il/la nuovo/a arrivato/a: C’E’ TEMPO!! Date modo a entrambi di abituarsi a questa nuova vita! Molte di voi sono già mamme e sapete fin troppo bene quanto non sia affatto piacevole ritrovarsi col via vai di persone che vengono a casa; non succede nulla se portate i vostri pensieri e regalini quando la mamma sarà in grado di ri-assumere un aspetto quanto più umano possibile e si sarà ripresa dal parto.

Nel mio caso, dopo un parto cesareo, c’è voluto qualche giorno per riprendermi e riuscire a fare una doccia come si deve. Figuratevi dov’era la mia voglia di vedere gente; volevo soltanto dormire ogniqualvolta dormiva mio figlio, dal momento che dovevo essere ben sveglia ogniqualvolta lui avesse bisogno. Con l’allattamento esclusivo al seno i primi mesi è stata davvero dura. Infatti poi decisi insieme al pediatra di optare per l’aggiunta col latte artificiale, almeno per le poppate notturne.

Abbiate rispetto per una mamma che ha appena partorito, frenate la vostra curiosità e la voglia di conoscere il bimbo o la bimba, tanto al massimo sarà un pochetto cresciuto ma non ce l’avrà con voi, anzi: avrete tutta la gratitudine di sua madre.

Spesso si tratta di avere un minimo senso di rispetto, cavoli quante donne ci sono già passate? Sembra quasi una ripicca bussare alla porta (a volte anche senza preavviso) a pochissimi giorni dal ritorno a casa, talvolta anche il giorno stesso (e quando bussi prega di non aver svegliato nessuno).

Vogliamo parlare poi di quelli che devono per forza prendere il piccolo in braccio? Sta dormendo caspita, è importante lasciar riposare i neonati, ma qualcuno sembra proprio non tenerne conto. Credo che al prossimo figlio, metterò un bel decalogo fuori la porta di casa e spegnerò il cellulare; saranno ben accette solo quelle anime pie che, eventualmente, vorranno dare una pulita alla casa e provvedere a pranzo e cena, grazie.

Rispetto ad altre mamme, io sono stata un po’ più fortunata e visto che ricordo bene come ci si sente, a mia volta porto rispetto quando devo far visita ad amici che hanno da poco avuto un figlio; non abbiate timore a dire che non siete ancora in grado di accettare visite a casa, quando ancora non ve la sentite e non forzatevi a fare nulla.

Quindi quando far visita al nuovo nato? Non si tratta di aspettare mesi, non preoccupatevi del fatto che magari la tutina non gli andrà più, oppure prendetela direttamente un po’ più grande! Tanto poi, ricordatevi che la ruota gira, ahahah!

 

1 Trackback / Pingback

  1. Tentato rapimento alla clinica Mangiagalli di Milano

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*