Accettare la sessualità dei propri figli

accettare i figli per quello che sono

Ieri sera stavo guardando in beata solitudine la quarta puntata dell’ultima stagione di Will & Grace intitolata Nonno Jack. Nella puntata si parlava di un argomento molto scottante. La sessualità dei propri figli.

Nel caso specifico del telefilm c’era il figlio del noto Jack (avuto come donatore di sperma ovviamente) arrivato a New York con il figlio. Il bambino si è recato dal nonno per conoscerlo. Si scopre che il bambino (età più o meno tra i 12/13 anni) ha tendenze omosessuali ed i genitori lo hanno portato nella grande mela per farlo partecipare ad un camping intitolato Segui la natura, dove praticamente dicevano che gli uomini vanno con le donne e il resto non è normale.

Ma come è possibile che ancora oggi nel 2017 non si riesca ad accettare la sessualità dei propri figli?

Ho letto alcuni commenti in giro per il web dove c’è ancora gente che reputa l’omosessualità una malattia da curare e debellare: praticamente stiamo ancora nel medioevo?

Capisco che dei genitori al momento in cui scoprono che il proprio figlio/a non sia etero rimangano stupiti, è una notizia sconvolgente. Ma se questo modo di essere li rende felici perché obbligarli a sopprimere il loro essere solo per cosa? le apparenze?

Io accetterò i miei figli sia etero che no. L’importante è che il loro partner li renda felici, perché è questo quello che secondo me ogni genitore deve sperare. E non voltargli le spalle solo perché amano la persona “sbagliata” secondo il vostro giudizio bigotto.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*