Charlie: i medici staccheranno la spina e il piccolo morirà

a charlie gard verrà staccata la spina
Charlie Gard morirà a soli 10 mesi perchè secondo i medici non ha nessuna speranza di sopravvivere

Nonostante i suoi genitori abbiano combattuto fino all’ultimo, oggi il piccolo Charlie Gard morirà perchè il Tribunale dei Diritti Umani ha deciso che i medici dovranno staccare la spina che lo tiene in vita

Io non sono a favore dell’accanimento terapeutico, anzi sono assolutamente contraria. Però se Charlie fosse stato mio figlio non so cosa avrei fatto. Charlie Gard è il bambino di 10 mesi a cui oggi staccheranno la spina perché secondo i medici non c’è altro da fare, il bambino non ha nessuna speranza di sopravvivere.

Il bimbo è affetto da una malattia del mitocondrio rarissima e i medici sostengono che continuare a tenerlo attaccato alle macchine che da ottobre lo tengono in vita, sarebbe solo accanimento terapeutico. A questa decisione i genitori si sono opposti con tutte le loro forze, sono arrivati perfino al Tribunale per i Diritti Umani. Ma hanno perso. Hanno perso la loro battaglia e oggi perderanno il loro bambino. A Charlie non stato concesso neppure la possibilità di morire nella sua casa, di addormentarsi almeno per una volta nel lettino che i genitori gli avevano preparato e in cui non ha mai potuto dormire.

A Charlie e ai suoi genitori non è stata concessa la libertà di scelta

Giuro che non capisco tanto accanimento nei confronti di questa famiglia già dilaniata da un dolore che credo non passerà mai. I genitori avrebbero voluto portare il piccolo negli Stati Uniti dove sarebbe stato sottoposto ad una cura sperimentale. Ma pure questo gli è stato negato; secondo i medici a nulla sarebbe servita questa terapia, il bambino avrebbe sofferto e basta.

Io sono mamma e forse parlo così perché quando si tratta dei figli nei miei ragionamenti predomina l’amore piuttosto che la razionalità, ma io li capisco questi genitori disposti a tentare qualunque cosa pur di provare a salvare il piccolo Charlie. E non vorrei essere nei panni del medico che oggi staccherà la spina provocando di fatto la morte del bambino.

Mi arrabbio perché il nostro è un mondo davvero al contrario: ci sono adulti che soffrono e sanno di non avere speranza di salvarsi e chiedono nel pieno possesso delle loro facoltà di poter morire e questo diritto viene loro negato. In questo caso c’è un bambino che non può decidere da solo della sua vita e allora dovrebbero essere i genitori a dover decidere per lui ma a loro viene negato questo diritto. I genitori avrebbero voluto tentare di far vivere il loro figlio, ma a Charlie è stato negato il diritto alla vita. Davvero c’è qualcosa che non quadra.

È un verdetto inaccettabile quello della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha deciso non opporsi alla morte di Charlie, ignorando di fatto la volontà dei genitori del piccolo. Dov’è finita la libertà di scelta in questo caso???

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Charlie Gard è ancora vivo: l'ospedale ha rimandato la sua morte
  2. Charlie non ce l'ha fatta, è morto. I medici hanno staccato la spina

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*