Cresciuto col cognome della mamma, ora il papà vorrebbe riconoscerlo

cognome del proprio figlio
Normalmente il cognome dato ai propri figli è quello del papà ma la legge stabilisce che è possibile dare anche quello della mamma

La scelta del cognome del figlio sembra tanto scontata e automatica, ma in alcuni casi non è così e può succedere che un figlio venga riconosciuto successivamente dal padre.

Una legge del Novembre 2016 ha stabilito che è possibile dare ai figli il cognome della madre: sentenza attesa per oltre 40 anni, fino ad allora infatti al bambino era automaticamente dato il cognome del papà.

È molto recente il fatto accaduto a Firenze di un ragazzino di 12 anni, tardivamente riconosciuto dal padre, il quale avrebbe fatto richiesta alla Corte d’Appello di Firenze di dare il proprio cognome al figlio, oltre a quello della mamma (che ha dalla nascita).

Il verdetto è stato dato ascoltando anche quelle che erano le volontà del bambino, il quale ha spiegato che per 12 anni ha avuto il cognome di sua madre e non vuole né cambiare né aggiungere quello del padre biologico; la Cassazione conferma tale scelta in quanto considera l’importanza di tutelare l’interesse del ragazzo che, vedendosi improvvisamente una modifica nel cognome, potrebbe avere crisi d’identità, difficoltà, problemi a livello di integrazione sociale, se fino a quel momento è stato conosciuto come tale, allo stesso modo deve continuare ed andare avanti.

Si tende quindi a tutelare l’identità dei bimbi nati fuori dal matrimonio e renderla quanto più simile possibile a quella dei bimbi nati da genitori coniugati.

Viene da pensare che sia giusto così, questo papà ha atteso ben 12 anni prima di voler riconoscere suo figlio come tale, e seppur tanto giovane, credo che questo ragazzino abbia preso la decisione giusta; se il suo papà ci tiene tanto a ricoprire il ruolo di genitore, che abbia innanzitutto un rapporto con il bambino e se dovesse poi decidere di apportare modifiche al suo cognome, per lo meno lo potrebbe fare con cognizione di causa.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Il corpo di una donna dopo la gravidanza
  2. Chiede rimborso all'ospedale per un aborto non riuscito

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*