Essere genitori ai tempi del Covid è un’impresa eccezionale

Oggettivamente essere genitori è un compito difficile assai. Ma mai e poi mai credo che nessuno di noi, soprattutto noi mamme infami, avremmo mai potuto immaginare quanto sarebbe stato arduo questo compito durante una PANDEMIA MONDIALE. Essere genitori ai tempi del Covid è un’impresa eccezionale e vi spiego perchè.

L’impresa eccezionale

Dai su siamo sinceri, noi genitori ai tempi del Covid secondo me possiamo considerarci una specie di Supereroi. Io in quest’ultimo anno e mezzo non so quante volte ho desiderato di poter essere DA SOLA su un altro pianeta per qualche manciata di secoli.

Certo nel mio caso è normale, da brava mamma infame quale sono, un po’ di lontananza dai miei figli so che non mi avrebbe ucciso, anzi! Ma purtroppoo non se po’ fa’. A momenti manco di casa si può più uscire. E non perchè siamo in lockdown, no per carità, ormai questa fase l’abbiamo egregiamente superata.

Per un motivo o per un altro simo sempre chiusi in casa

Mi dite voi, tra isolamenti, autosorveglianza, quarantene, smart working, nasi mocciolosi che immediatamente ti chiamano perchè adesso a scuola non si può andare nemmeno con un piccolo raffreddorino, quando, quando abbiamo effettivamente la possibilità di uscire di casa???

Ragazzi, essere mamma infame ai tempi del Covid 19 e riuscire a non abbandonare figli, marito, animali domestici è davvero una cosa da supereroi. Ve lo dico io: essere genitori ai tempi del Covid è un’impresa eccezionale.

Un altro po’ di pazienza, ANDRA’ TUTTO BENE, ma quante altre ca…..te dovremo ancora sentirci dire?

Non va bene, non va bene per nulla, noi genitori siamo abbandonati, non abbiamo alcun tipo di sostegno, i nervi sono a pezzi, gli adolescenti sono sempre più virtuali e sempre meno reali, i bambini sanno cosa significa fare una videochiamata ma hanno dimenticato come si sta insieme DAVVERO.

Essere genitori ai tempi del Covid è un’impresa eccezionale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*