Fratello e sorella : un rapporto non semplice da costruire

fratello e sorella: un rapporto non semplice da costruire
Rapporto tra fratelli: non sempre è facile trovare un equilibrio

Sapevo che quando avrei messo al mondo il secondo figlio tutto sarebbe cambiato. Tutti gli equilibri che avevamo faticosamente costruito con il nostro primo nano sarebbero stati messi in discussione, non sarebbero più andati bene e avremmo dovuto impegnarci a cercarne di nuovi.

Quando ero incinta della mia seconda nana di questo ero perfettamente consapevole, ma non immaginavo assolutamente quanto sarebbe stato e quanto è tutt’ora difficile trovare nuovi equilibri anche nel rapporto tra fratello e sorella. Magari qualcuno penserà e che sarà mai! Tutti mettono al mondo dei figli e vanno avanti lo stesso, sopravvivono. Si certo, questo è vero, anche noi stiamo andando avanti lo stesso, ma io non mi accontento di sopravvivere, io voglio vivere e voglio che i miei figli siano sereni.

Ma tutto si sta prospettando davvero molto difficile, la nana è una bimba davvero tosta, è estremamente gelosa di suo fratello e soprattutto mi fa passare delle notti da incubo. Il nano è più tranquillo come bambino, di certo più obbediente di sua sorella, ma quando gli girano storte pure a lui sono veramente cavoli amari.

Il tempo che riesco a passare con loro è poco, ma soprattutto è il tempo peggiore; quello della sera, quando entrambi i bambini sono stanchi dopo aver passato un’intera giornata fuori casa e anche io e mio marito siamo belli cotti dopo una giornata di lavoro, i mille problemi che inevitabilmente sorgono e la stanchezza di una notte precedente fatta di continui risvegli.

Allora accade che tutti quanti siamo poco pazienti, basta un piccolo intoppo e subito ci innervosiamo, i bambini urlano, litigano perché ovviamente la piccola è curiosa e vuole giocare solo con le cose del fratello ma inevitabilmente spacca tutto e lui si innervosisce e comincia a piangere e a urlare.

E tu vorresti solo un po’ di pace, un po’ di tregua, ma sembra che sia una cosa impossibile, ti perdi tra le loro urla e anche se non vorresti, cominci a spazientirti e finisce sempre che urli anche tu. Addio armonia, addio tranquillità. Poi ti senti uno schifo e pensi: domani andrà meglio, cercherò di stare più calma così saranno più tranquilli anche loro, ma il 90% delle volte quel domani è esattamente uguale al giorno precedente, fatto di stanchezza, urla e litigi.

Certo non è sempre così per fortuna, ci sono dei momenti in cui fratello e sorella sono adorabili, fanno tanta tenerezza, addirittura giocano assieme, si divertono un mondo quando fanno il bagno (tralasciamo le condizioni pietose in cui trovo il bagno) e pensi: ma perché non sono sempre così? Perché non possono sempre giocare così insieme? Forse sono io che pretendo troppo da questi figli che sono ancora molto piccoli?

Certo non tornerei mai indietro, io adoro i miei figli, la mia famiglia è la cosa più importante, ma ogni tanto mi ci vorrebbe una pausa, un momento per staccare la spina e ricaricarmi. E non credo di essere una cattiva madre per questo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*