In Arabia Saudita le donne potranno guidare anche se per qualcuno hanno solo un quarto di cervello

arabia saudita le donne potranno guidare
In Arabia Saudita le donne potranno finalmente guidare, ma solo a partire dai 40 anni

In Arabia Saudita le donne potranno guidare la macchina. Ma solo quelle dai 40 anni in su. La notizia è talmente incredibile (e dal mio punto di vista allucinante) che sono 2 giorni che continuo a sentirla in radio e tv.

Io davvero faccio fatica a capire, ad accettare che esistano paesi in cui ancora le donne non sono considerate allo stesso livello degli uomini. E adesso il re Salman ha concesso finalmente il permesso alle donne di poter prendere la patente. Chissà se e quando verrà mai concesso loro di togliere anche il velo e di non dover dipendere più dagli uomini per ogni cosa e soprattutto a non aver paura di loro.

Solo qualche giorno fa lo sceicco Saad Al Hajry, presidente del Consiglio della fatwa della provincia di Asir, aveva giustificato questi comportamenti restrittivi nei confronti delle donne sostenendo che “le donne hanno un quarto di cervello degli uomini“. Si avete letto bene, ha proprio detto così. Fortuna che adesso a questo genio di sceicco che probabilmento non ha nemmeno un quarto di cervello hanno proibito di predicare e svolgere qualsiasi pratica religiosa.

Minchia ragazze quanto è difficile essere donne. A me non viene da esultare perché è stato concesso questo privilegio alle donne, ma mi viene tanta tristezza perché ancora in alcuni paesi sono gli uomini a decidere cosa possono fare o non possono fare le donne.

No io proprio non ce la faccio a concepirla una cosa del genere, ma poi perché le donne solo a partire dai quarant’anni dovrebbero guidare? È assurdo, inconcepibile che esistano ancora sulla terra dei posti dove vengono tollerati tali comportamenti assolutamente maschilisti e che a mio avviso non hanno nulla a che vedere con la religione. Io spero che un giorno queste donne possano essere finalmente libere di decidere cosa fare della propria vita, come vestirsi, se studiare, lavorare e anche quando prendere la patente.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*