La nanna dei figli: è possibile ridurre i risvegli notturni?

bimbo che dorme
quando dormono sono tutti angioletti

E’ possibile far dormire i figli tutta la notte senza risvegli?

La nanna dei figli è un tasto molto dolente per tutte la mamme, o per lo meno per la maggior parte.

Ho letto un articolo sulla preparazione del neonato per riuscirlo a farlo dormire, ma secondo me hanno fatto uno studio su dei bambini narcolettici. Perché per esperienza personale (mia e di alcune mie amiche) posso dirvi che risvegli fino al compimento dei due anni ci saranno, mettetevi l’anima in pace.

L’articolo in questione metteva dei punti da seguire per riuscire nell’intento, tra i quali:

  1. fargli fare dei piccoli pisolini durante il giorno: non so voi ma se i nani non vogliono dormire o li tramortisci con qualcosa oppure non c’è verso.
  2. fare dei rituali: ahahaha io personalmente non ci sono mai riuscita, è praticamente impossibile per una mamma infame riuscire ad avere dei rituali seri, ciò vorrebbe dire fare le stesse cose tutte le sere alla stessa ora, ma stiamo scherzando? Chi ce la fa??? non ce l’ho mai fatta con una figuriamoci con due.
  3. cantare la ninna nanna: beh se io mi metto a cantare i miei figli invece di sedarsi iniziano a ridere, quindi per me non vale.
  4. bagnetto rilassante: nel mio caso molto difficile dato che ho solo il box doccia e la maggior parte delle volte faccio io la doccetta ai nanetti giusto per pulirli. Purtroppo nella vaschetta il bagnetto lo fanno poche volte perchè la schiena ne risente.
  5. Cullarlo: con la prima era impossibile stavo ore ed ore a cullarla ma appena le sue chiappette poggiavano sul lettino iniziava ad urlare, con il secondo per fortuna funziona (evviva!!)
  6. la strategia dei rumori domestici: ok potrebbero funzionare ma avete idea di come potrebbe odiarvi il vostro vicino? Questi di certo non si possono utilizzare durante le ore di sonno, almeno nel mio condominio.

Quello che voglio dirvi e che in realtà ogni bambino ha il suo modo di dormire, il trucco sta nel trovare quello. Nel mio caso la prima necessitava del cosleeping e si svegliava almeno un paio di volte a notte per bere il latte (quando mi andava bene) con il secondo basta coccolarlo un pochino e accendere il carillon, ma ovviamente anche lui un paio di volte a notte si sveglia sempre per il latte.

 

 

 

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Famiglia al mare, che fatica! Se poi si hanno più figli può essere faticoso
  2. Affrontare i risvegli notturni: la serenità dei genitori è fondamentale

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*