Vacanze finite: quali sono i vostri buoni propositi per il 2018?

Vacanze finite...buoni propositi per il 2018 ne abbiamo?
Vacanze finite...buoni propositi per il 2018 ne abbiamo?

È ufficiale: le vacanze sono finite e si ritorna alla normalità; nani a scuola e genitori al lavoro, il che ammettiamolo equivale quasi a una vacanza, soprattutto per chi ha figli piccoli.

Speravo di riposare un po’ durante queste vacanze, addirittura ambivo a qualche piccola ora di ozio, ma ahimè no, non è stato possibile, con due nanetti in costante, perenne e continuo movimento ho miseramente fallito: niente ozio, solite notti da incubo con la nana e giornate piuttosto impegnative.

Nonostante questo però, un po’ di malinconia ce l’ho. Il ritorno alla routine dopo le vacanze di Natale ha sempre avuto questo effetto su di me, mi ha sempre preso un po’ di  tristezza(ma poi passa eh)e quest’anno in cui ammetto di aver passato dei giorni veramente duri con i nani, le loro liti e i loro capricci, ho un po’ di malinconia in più, perché per l’ennesima volta i miei figli mi hanno dimostrato che l’unica cosa di cui hanno veramente bisogno è la presenza di mamma e papà.

E parlando con altri amici, ho potuto constatare che un po’ per tutti i bimbi è così; certo a Natale hanno ricevuto tanti bei giochi, troppi, ma alla fine quei giochi sono stati accantonati, per loro è stato molto più bello passare del tempo con mamma e papà: guardare un cartone animato assieme, preparare da mangiare, perfino fare le pulizie insieme alla mamma sembrava essere la cosa più bella in assoluto.

Ed è per questo che ho un po’ di malinconia in più, perché queste vacanze sono passate troppo velocemente e mi sembra di non aver sfruttato bene e appieno il tempo con i miei figli: avrei potuto urlare di meno e giocare di più, avrei potuto preoccuparmi di meno delle mille cose da fare in casa e stare di più con loro…sento di non aver goduto appieno di questo tempo e quello che ancora più mi rattrista è che da oggi di tempo con loro ne passerò di meno, ma devo impegnarmi di più, riuscire a mettere da parte pensieri, stanchezza, frustrazioni, sgomberare la mente e rendere qualitativamente migliore il tempo che passo con i miei figli.

La loro infanzia non ritornerà, la spensieratezza di questi anni non ritornerà e io non posso permettermi di perderla, non voglio rinunciare ai loro sorrisi, non voglio perdermi i loro abbracci. Almeno devo provarci, questo sarà il mio buon proposito per il 2018: godermi al meglio i miei figli (ma non per questo sarò meno mamma infame ovviamente).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*